Cerca
Blog Insider Rischio & Credito

Gestione del rischio durante la crisi: Questi 3 cose dovete tenere sotto controllo

| Aprile 09, 2020

La crisi del coronavirus colpisce l'economia globale in piena forza.  Intere industrie sono ferme in tutto il mondo.  La fine è ancora lontana. Ciò pone enormi sfide per i capi delle finanze. La tattica dello struzzo sicuramente non conviene. Al contrario. I CFO devono agire e prendere in mano la gestione del rischio. In questo articolo vi mostriamo quali 3 cose dovete fare ora.

Il 2020 probabilmente non comparirà nei libri di storia come un anno record per la maggior parte delle aziende. Al contrario. La diffusione del coronavirus non è solo un grande cambiamento per la vita pubblica, ma anche per l'economia. Ma non fatevi assolutamente prendere dal panico. L'anno d’esercizio 2020 è tutt'altro che terminato.

Una tendenza che sta emergendo attualmente è la digitalizzazione in molte aree dell'at-tività imprenditoriale. L'home office sposta le riunioni sul web, i negozi online e i servizi di consegna hanno forti incassi, il lavoro collaborativo su internet è diventato indispen-sabile.

Ma la digitalizzazione va molto oltre. In un mondo globale, è essenziale farsi sempre un'idea della situazione attuale. Non si può farlo manualmente, il flusso di informazioni è troppo grande. Questo funziona solo sulla base di dati, adeguatamente preparati e resi disponibili. È l'unico modo per garantire che i clienti non perdano modifiche impor-tanti, assicurando la catena di fornitura e riducendo grossi rischi.

Le 3 aree che dovete tenere d'occhio e mantenere una visione d'insieme con i dati, sono le seguenti.

1 Monitoraggio

La crisi del coronavirus ora colpisce tutto il mondo. Se principalmente la Cina è stata colpita all'inizio dell'anno, il virus si è ormai da tempo diffuso anche in Europa e negli Stati Uniti. In alcuni casi, ciò ha avuto un impatto enorme sull'economia. Gran parte dell'industria automobilistica in Germania e in Italia è inattiva, per non parlare della vendita al dettaglio.

È quindi importante tenere d'occhio il mercato. Poiché ciò non è possibile manualmen-te, è evidente a causa delle comunicazioni giornaliere e del rapido sviluppo. Inoltre, molte aziende operano a livello globale e intrattengono rapporti commerciali con forni-tori e clienti non solo in Europa, ma anche in America, Asia e Africa.

Per non perdere la visione d'insieme, il monitoraggio globale è molto utile. Se si verifi-ca un cambiamento presso un fornitore, un cliente o un potenziale cliente, suonerà l'al-larme di monitoraggio. Non dovrete più tenere d'occhio ogni partner commerciale. Se la situazione finanziaria deteriora o addirittura migliora, riceverete una notifica. Ciò consente di risparmiare tempo per le questioni importanti, per sopravvivere indenni alla crisi e vi terrete molto meglio aggiornati.

2 Esperienze di pagamento

Nella crisi, è estremamente importante fare affari solo con aziende solvibili. Un'esatta verifica è quindi essenziale. Ci sono, ad esempio, punteggi precisi e significativi di Dun & Bradstreet, che abbiamo descritto in dettaglio in questo articolo. Lo svantaggio, tut-tavia, è che i punteggi sono calcolati sulla base di dati storici, e quindi fanno solo dichia-razioni limitate sulla stabilità finanziaria dallo scoppio della crisi.

È qui che entra in gioco il pool di esperienze di pagamento DunTrade®. Molte aziende inseriscono i dati dei loro debitori in questa rete. Tutto sommato, esiste un quadro molto più aggiornato di solvibilità finanziaria e disponibilità di pagamento. In questo modo potete vedere se un'azienda o un consumatore hanno soddisfatto in modo affi-dabile le richieste dallo scoppio della crisi. Ma non solo questo: DunTrade® mostra an-che se il vostro cliente preferisce pagare fatture a voi rispetto ad altri fornitori, o paga con una priorità inferiore.

Da un lato, questo crea sicurezza quando si stipulano gli affari, ma mostra anche po-tenziale nel vostro portafoglio. Perché sicuramente volete fare affari soprattutto con quelle aziende di cui preferite il pagamento.

3 Le catena di fornitura

Abbiamo già descritto nel nostro precedente articolo che sono necessarie strategie per proteggere le proprie catene di fornitura. Sono pertanto necessarie sia misure a breve termine, come la valutazione dei rischi e la revisione continua dei fornitori, sia misure a lungo termine, come lo sviluppo di piani di emergenza e la ricerca di fornitori alternativi.

È inoltre assolutamente necessario conoscere le gerarchie all'interno dei fornitori. Se si sa quali società appartengono insieme, e chi è la filiale di chi, allora si avranno le carte migliori in mano quando si negoziano le condizioni. Ma molto più importante nella crisi: valutate molto meglio i grossi rischi. Se una società interrompe la consegna, questo probabilmente influenzerà anche le filiali.

D&B Credit animiertes Bild

Rischi sempre in vista

Monitoraggio globale del rischio: in 3 fasi per superare la crisi in modo sicuro