Cerca
Articolo Rischio & Credito

Gestione dei crediti: Così evitate le insolvenze

Ritardi di pagamento e perdite di credito portano velocemente a sensibili problemi di solvibilità a breve termine. Una gestione dei crediti organizzata in modo professionale assicura l’esistenza della vostra PMI.  Evitate di finire in una minacciosa trappola di liquidità.

La gestione dei crediti ha l’obiettivo di evitare insolvenze e di assicurare la liquidità in modo duraturo. Già prima di una stipulazione del contratto, la vostra PMI dovrebbe verificare la solvibilità di ogni partner commerciale. Così evitate insolvenze già ampiamente in anticipo.

Se tuttavia si verificano degli arretrati di pagamento, la gestione dei crediti garantisce che al cliente venga ricordato l'obbligo di pagare il prima possibile e che sia motivato a pagare.

Adempienze della gestione dei crediti

La gestione dei crediti ha, dal punto di vista strategico, un grande significato. Ciò riguarda la questione di come la gestione del debitore sia parte della strategia aziendale in quanto parte del Working Capital Management.

  • Determinazione della propria politica di credito e recupero crediti
  • Determinazione di condizioni di pagamento e di fornitura

Da un punto di vista operativo, per gestione dei crediti in senso stretto si intendono le misure di implementazione per i requisiti sopra menzionati, e comprende i seguenti settori:

  • Fornitura di informazioni anticipata, possibilmente con il supporto di fornitori di servizi esterni come le agenzia per le informazioni economiche
  • Contabilità dei debitori
  • Fatturazione corretta e tempestiva
  • Monitoraggio del limite di credito e del comportamento di pagamento
  • Servizio solleciti e recupero crediti

Desiderate avere il denaro del vostro cliente sul conto più velocemente? Qui trovate 9 consigli per una rapida entrata di cassa.

Particolarità nella gestione dei crediti internazionale

Le PMI orientate all’esportazione dovranno far fronte a sfide impegnative nella gestione dei crediti. A livello nazionale conoscete certamente le abitudini nei rapporti d'affari. Ma cosa succede se acquisite un nuovo cliente nell'area europea o addirittura oltremare?

È chiaro: Se è difficile, all’estero lo sarà ancora di più.

Lingue straniere, diversi fusi orari, diversi modi di pensare e di comportarsi e, soprattutto, una diversa situazione legale rendono difficile la soluzione dei problemi. Con questi sei consigli ridurrete, come direttori finanziari, il rischio di insolvenze.

6 consigli per la gestione dei crediti internazionale

  1. Evitate regioni e paesi instabili.
  2. Scoprite le abitudini di pagamento nel vostro paese di destinazione e adattate pertanto la vostra offerta. Ad esempio, il D&B International Risk and Payment Review offre una preziosa panoramica dal punto di vista macroeconomico.
  3. Verificate il vostro partner contrattuale con un’agenzia per le informazioni economiche: Esiste veramente l’impresa, chi è il firmatario, chi sono i titolari, com’è la sua solvibilità?
  4. Regolate le condizioni del contratto nel dettaglio e determinate come foro competente la Svizzera.
  5. Rispettate i requisiti del vostro Working Capital Management, e accertatevi che la vostra Credit Policy copra anche questo caso.
  6. Se nonostante tutte le misure precauzionali il vostro cliente non paga la sua fattura: Cercate il più velocemente possibile un supporto esterno tramite un operatore di recupero crediti che opera nel paese destinatario.